ZONAFRANCA 2 - Askosarte

Vai ai contenuti

Menu principale:

ZONAFRANCA 2

Eventi > 2006
Oristano "zonafranca le due torri"

progetto di arte contemporanea ideato e curato da askòsarte

“……simile e dissimile sono uguali, gli opposti sono identici per natura e differiscono solo di grado. Così gli estremi si toccano; tutte le verità non sono che mezze verità e ogni paradosso può essere conciliato”
(Il Kybalion)

Possono due torri del '500 costruite come baluardi di difesa contro le incursioni barbariche, che rimandano, quindi all’odio e al lutto, diventare luogo privilegiato per la  creatività e l’accoglienza?

Può la volontà di alcuni artisti invertire la polarità odio/amore attraverso l’uso della creatività, utilizzata come strumento terapeutico per guarire?  

Può il “desiderio” trasmutare alchemicamente i campi vibrazionali di un passato di dolore attraverso penetrazioni di idee, di poesia, di musica e colori e diventare luogo di’incontro e scambio per chi ha visioni e voglia di raccontarle?

E può la dolcezza ricamare i luoghi e le persone, trasformando anche le delusioni in vitalità da convogliare verso la consapevolezza che realmente possiamo operare un mutamento, toccare le cose e le persone e trasfigurarle in centri luminosi carichi di energia?

Le torri spagnole sono diventate, nel gioco artistico, metafore delle pulsioni energetiche fisiche e spirituali che abitano l’uomo.
Rappresentano un simbolo di potente dualismo che evoca opposizione e se-parazione, equivalente alla contrapposizione anima/corpo e quindi divino/istinto che ci conduce alla soluzione scontata di definire “negativo” il corpo con il suo impulso alla vita, alle emozioni e alla sessualità e “positiva” l’altra parte.
Per migliaia d’anni abbiamo lottato con questo modo arcaico di pensare, diventando “giudicanti” e del corpo ne abbiamo parlato con il linguaggio impersonale e oggettivato delle scienze – scindendolo inesorabilmente – raccontando della lacerazione dell’uomo e dando come esito l’impossibilità di una comprensione autentica del senso stesso dell’esistere.
Semplici definizioni concettuali derivanti dall’organizzazione delle scienze, che nulla dicono dell’originaria apertura al mondo del corpo.
Rinnegare la nostra fisicità istintuale, però,  non può non dare ripercussioni, in quanto le energie terrene e spirituali hanno la stessa fonte.
La mia violenza, la mia intolleranza, il mio orgoglio, il mio amore, la mia compassione, la mia rabbia, la mia tenerezza, la mia creatività, la mia oscurità e la mia luce, il mio corpo e la mia anima, sono DIO.

La ri-conciliazione può arrivare solo da uomini che hanno re-imparato a vivere la loro vita semplicemente, sostenendo la tensione tra queste due realtà, che hanno imparato a riconoscere che tutto è Uno, che non vi è nulla di se-parato.
Le torri, trasfigurate dall’intenzione degli artisti, assurgono a simbolo consacrato di spazio libero da condizionamenti e preconcetti, una ZONAFRANCA dove attuare la ri-composizione tra questi opposti, dove ri-condurli all’Uno e dove praticare l’arte, a qualsiasi livello, significa impegnarsi in un cambiamento radicale che coinvolge il profondo di noi stessi. Un luogo dove riformulare le domande intorno al senso dell’esistenza.

Questa è la traccia del progetto, che in ogni modo non imbriglia in un tema circoscritto, in quanto tutti facciamo esperienza della fisicità e della sacralità del nostro esistere.
Nell’arte ci si può perfino permettere di stravolgere i ruoli e di esprimere la sensualità dell’anima e la spiritualità del corpo, pregare attraverso performance di danza e di musica o cercare  la bellezza mistica in un volto.
Ogni espressione convoglia inevitabilmente verso “il tema” del nostro esistere: vivere la vita.

chiara schirru

>>ensable<<

collettiva d'arte contemporanea a cura di progetto askòs e maymask

"ensamble" è stata la mostra che ha dato l'avvio all'ampio programma, vi hanno partecipato tutti gli artisti che sono stati presenti nelle varie manifestazioni della rassegna.
artisti:
silvia argiolas_ermenegildo atzori_bemsnc_giuseppe bosich_claudia cabras_federico carta_alessandro carboni_federico cozzucoli_fabrizio da prà_cesare dattena_valentina m._antonio marchi_michele mereu nazzareno miconi_paolo ollano_antonio palumbo_giorgio podda_progetto askòs_francesca randi_giuliano sale_alberto secchi_u.stea _kazuto takegami_gemma tardini_marta fontana


>>in-sedia-menti"<<

Presso la Torre Spagnola di Torregrande è stata allestita la mostra collettiva intitolata in-sedia-menti realizzata all'interno della manisfestazione ZONAFRANCA 2 ideata e curata da  askòsarte.
A cura di Erica Olmetto

Il progetto   consistente in diciassette opere pittoriche e installazioni ha avuto come obiettivo principale la rappresentazione della sedia e dei suoi significati storici culturali, magico religiosi, con interpretazioni della sedia come spazio di accoglienza fino a significati complessi sconfinanti in ambito sacro e religioso.


artisti:

silvia argiolas_ermenegildo atzori_giuseppe  bosich_federico carta_antonio corso_marta fontana_giovanni medda_michele mereu_nazzareno miconi_paolo ollano_andrea pili_paola porcu _progetto askòs_ giuliano sale_kazuto takegami_gemma tardini


>>le due Torri<<

come potrebbe essere imparare a creare una musica cosciente, una musica che si estende nella vastità che esiste tra la luce e il buio? Come potrebbe essere una musica che permetta agli Dei della luce e agli Dei dell’ombra di danzare insieme sotto la tutela della bacchetta della tua propria creatività… Come potrebbe essere imparare ad orchestrare la danza di tutti i sé ..  ( Hal Stone)
progetto askòs

>>andrea biavati  inmateria<<

L' artista romano Andrea Biavati ha proposto  per la rassegna ZONAFRANCA 2 l'installazione naturalistica INMATERIA progetto di arte contemporanea curata da Erica Olmetto   caratterizzato dalla presenza di elementi naturali del territorio, quali sabbia, sale, terra pietre foglie e arbusti.

L' obiettivo principale dell'intervento è stato quello di coinvolgere il pubblico invitato a camminare sopra gli elementi a interagire con essi per assorbirne l'energia e integrarsi nell'opera d'arte.

L'inaugurazione è stata accompagnata dalla performance musicale dell'"ensemble oristanese" curata da Emma Erdas.
INNAMORAMENTO DELLE IDEE E FORZA DEL SOGNO
www.askosarte.it
askosarte@yahoo.it
Torna ai contenuti | Torna al menu